Categorie
Tao

Auguri alle mamme e alle non mamme

Ho sempre cercato di insegnare alle persone che valgono perché sono persone e non per quello che cercano di diventare. Similmente una mamma non è speciale perché è mamma e così una non mamma non è diversa o meno importante.

Ho visto donne morire per l’incapacità di staccarsi dal ruolo di mamma e molte proiettano questo facendo da mamme ad amici, allievi, colleghi.

Ognuno è completo in sé, eliminiamo i mortali sensi di colpa!

Detto questo auguri a tutte le mamme e alle non mamme!

Categorie
Salute Tao

Mascherina o non mascherina

Una nostra insegnante scrive su Facebook:

Buongiorno .Oggi sono in fase aggressiva!!!sono dovuta uscire per una commissione urgente che mi ha portata in Cesano centro:SIAMO CIRCONDATI DA COGLIONI IGNORANTI , IRRISPETTOSI E IRRESPONSABILI!!!!!!!
Per fortuna qualcuno si SALVA ma, se le normative dicono di portare guanti e la mascherina che ti copra naso e bocca (come la foto mia),perché trasgredire e portarla alla Cazzo??!!???(Ovvero che scopre il naso,chi scopre naso e metà labbro,chi infila solo il guanto destro,chi li infila solo quando vuole e chi addirittura non ha nulla!!!).
Poi andiamo in giro a dire che politici e sindaci non fanno normative…ma se ci sono e i c…….che non le rispettano!!!!
Facciamoci un esame di coscienza!!!!
P.S.se poi non riapriamo dobbiamo solo ringraziare noi (loro)stessi:I TRASGRESSORI!

Non va bene, non tanto per il linguaggio scurrile, ma per l’aggressività non compresa.

Esistono molte persone che la pensano così, come esistono molte persone che sono arrabbiate per l’obbligo di dover indossare la mascherina.

Quindi, chi ha ragione, chi torto?
La legge obbliga. Sappiamo ormai che le leggi sono ad personam e valgono per quello che valgono.

Nessuno ha ragione perché si pensa di avere ragione, è il solito ego guerrafondaio che si mette sul piedistallo e giudica gli altri e naturalmente “io” ha sempre ragione.

Come fare a capire che siamo in questo meccanismo perverso? Semplice, lo conferma la rabbia. Se c’è questa rabbia, allora sicuramente siamo nell’ego.

Come uscirne? Con la saggezza.
Il saggio conosce la verità. La verità è dello spirito. Il saggio sa che andare in giro con la mascherina non è “naturale”, è da “società con la mascherina”. Il saggio però non si preoccupa, va in giro con la mascherina, magari se la cala un po’, magari no, saprà sempre cosa fare perché vive nel tempo presente e la verità gli è sempre accanto e la rabbia gli è sconosciuta.

O si vede l’ego o si vede la verità, non ci sono alternative.

Categorie
Tao

Monte Di Pietre

Lontano nel mare, un’isola. I più coraggiosi, grazie alla loro volontà di comprendere la vita, il Tao, sono invitati dal Maestro a recarsi da lui.

Eccoci arrivati al monte dove il vecchio eremita risiede e ci attende. Il nome dell’eremo è indicativo: “Monte di Pietre”, e percorrendo il sentiero ghiaioso contornato da grossi massi, comprendiamo il nome del posto.

Il sorriso del Maestro è contagioso e varcato l’uscio della sala dove praticheremo le meraviglie dell’arte del Tao con lui, comprendiamo che dietro quel sorriso, c’è un po’ di tristezza nel vedere di quante “pietre viventi” è composta l’umanità.

Categorie
Tao

Il Tao

I vaccini di per sé sono nulla: il Tai Chi insegna che la miglior difesa è l’assenza di difesa, mentre prendere un vaccino è assumere una difesa.

Vediamo in questa pandemia il collasso del sistema medico internazionale: ognuno dice e fa una cosa diversa, nessuno sa che pesci pigliare, e non li piglieranno mai, perché arriverà un’altra pandemia e poi un’altra e sarà sempre così. Il sistema di pensiero illuministico razionale finì in verità secoli fa, ma resta purtroppo in piedi.

Nulla funziona perché si trascura lo studio della la mente umana. Se mi vaccino creo una difesa esterna per proteggere l’essere umano e questa idea penetra nella mente, che crede che a salvarlo sia stato il vaccino e di non avere in sé capacità di guarigione e protezioni proprie.

Perché questi metodi esterni non funzionano e non funzionaranno mai?

Quando entriamo in mare e non sappiamo nuotare usiamo un salvagente e i vaccini sono dei salvagente. Poi le condizioni cambiano e il salvagente va sostituito. Arriverà però il giorno in cui non abbiamo ancora il salvagente adatto, molte persone annegano e tutti a sperare che i nuovi salvagente arrivino, ma nel frattempo tante persone muoiono affogate.

Dove sta la sciocchezza di tutto questo? Nel fatto che sarebbe stato molto più sano insegnare a tutti a nuotare.

Se imparo a nuotare non ho bisogno di salvagente, se ho un salvagente non imparo a nuotare.

La mente che ha bisogno di vaccini non ha imparato che per vivere bene non ha bisogno di difese, resta debole perché continuamente ha bisogno di protezioni esterne.

La mente di una persona che ha compreso galleggia nella vita, esattamente come galleggia in acqua.

Dovrebbe essere reso obbligatorio lo studio di come funziona la psiche umana e non perdersi dietro ricerche costosissime e dannose. Più creiamo dipendenza dai vaccini e più siamo in-umani.

Ogni neonato in acqua sa nuotare: è la Via del Cielo. Poi la società gli insegna la paura e gli fa perdere la strada, la Via, il Tao.

Ognuno insegna nella vita e ognuno sceglie cosa insegnare: possiamo insegnare a usare salvagente o possiamo insegnare a ricordare come stare naturalmente a galla.

Senza Tao l’essere umano, da solo, annega.

Categorie
Tao

Vita e binari

La vita può essere paragonata a un treno che sfreccia su dei binari, mai uguale, varia, ma sicura; oppure all’acqua che scorre lungo le sponde di un fiume. L’acqua parte dalla sorgente e arriva con certezza al mare seguendo un tracciato non voluto da se stessi, ma dal fiume. Solo l’opera esterna può mandare l’acqua fuori e l’essere umano ne è molto capace.

Questa crisi non è null’altro che un treno in piena corsa che è uscito violentemente dai binari. Una crisi annunciata da tempo. L’essere umano rompe con la sua arroganza i binari e va incontro a questi sconvolgimenti.

Non ho parlato di catastrofe, non è una catastrofe perché la crisi è necessaria a rimettere i binari in funzione, ma ne saremo capaci? Riusciremo a vivere meglio con meno plastica, meno inquinamento, meno lavoro che ci porta fuori dalla vita?

Incollo un bellissimo messaggio che una insegnante mi ha mandato:

“Voglio condividere con te una “cosa” che mi è successa stamani: mentre praticavo I kung Qigong, esercizi e poi prima parte e meditazione.. la mia gatta si è sdraiata alla mia sinistra e lì è rimasta senza muoversi .. il mio cane si è seduto alla mia destra .. ogni tanto girava annusava. La gatta si metteva al mio fianco ma poi tornava a sdraiarsi alla mia sinistra prima sopra al divano, poi mentre facevo meditazione è sceso, ma sempre a sinistra.

Una sensazione che non c’era più quando la gatta se ne è andata… allora ho chiuso la meditazione..

Un abbraccio energetico.”

Questa insegnante lavora molto e sono grato che in questo momento sia a casa e abbia fatto qualcosa che lei ama veramente fare, ma che solitamente falsi binari imposti dalla società non le consentono di fare.

Categorie
Salute Tao

Le sponde, gli ospedali

Ho scritto spesso della diatriba che ci fu millenni addietro fra confuciani e taoisti sulla necessità o meno di poter canalizzare i fiumi. I taoisti, legati alla “Via naturale”, mettevano in guardia sul fatto che se il letto di un fiume è largo e vediamo la sua acqua occuparne solo un tratto centrale, non è possibile costruire nel letto, apparentemente a disposizione, perché prima o poi la portata d’acqua cambierà e spazzerà tutto. Ciò lo abbiamo visto anche in anni recenti in Italia ed in particolare a Genova.

La stessa cosa avviene adesso con gli ospedali, non bastano, il fiume è in piena, il virus, come l’acqua colpisce e noi abbiamo tagliato ogni risorsa, sia economica che intellettuale, sulla salute e non riusciamo a contenere la portata d’acqua del virus.

Il problema è sempre lo stesso: i confuciani ragionano così perché vedono l’interesse subito, monetizzano, sono egoisti; i taoisti invece sono legati al grande disegno e hanno a cuore l’interesse di tutti.

E poi… perché non usare tutto quel sotto-strato di “tecniche del benessere” completamente ignorate dalla sanità occidentale che, pare, in Cina, abbiamo dato grande contribuito al recupero di tante persone: Shiatsu, Tai Chi, Qigong, Meditazione e altro?

Categorie
Salute Tao

Sul patriottismo

Quando spunta il patriottismo possiamo essere sicuri che qualcosa non va, si è perso il cuore perché quando si ha cuore, non c’è bisogno di essere patriottici.

Molti sono gli “eroi” caduti per patriottismo, si perde se stessi per cui ci appare appagante il valore della patria e siamo incuranti della nostra propria vita. Italiani, usiamo la consapevolezza altrimenti da questa crisi non se ne esce bene: guai ritorneranno in altre forme!

Patriottismo poi per cosa? Per il governo che annuncia: “l’Italia non si ferma” e continua a sfornare automobili inquinanti che in questo momento non interessan nessuno e gli operai tanto sono “sacrificabili”, mentre io, come tantissimi, sono senza più un reddito – ah no, scusate, sembra che mi daranno, per marzo, 600 euro non tassabili – eppure son convinto che insegnare Tai Chi sia per la nazione molto più importante che fabbricare auto…

Il sindaco: “Milano non si ferma”. Sì, è riuscito a fermare le auto una volta alla domenica in parecchi anni mentre i cittadini non respirano e si continua a costruire aumentando l’inquinamento.

Siamo patriottici per il lavoro dei medici? Certo, dobbiamo essere loro grati, ma nessuno si domanda come mai in Italia muoiono percentuali altissime di persone mentre in tante altre nazioni no? La Corea del Sud ha avuto 78 morti, una percentuale bassissima rispetto a noi. Forse la medicina in Italia negli ultimi decenni si è data al dio farmaco e adesso di fronte ad un nuovo virus non sa che pesci prendere?! E patriottici perché i Formigoni, votati dal popolo,, si sono mangiati gli ospedali pubblici per andare con gli yacht in crociere di lusso?

Quando vediamo uno di quei video patriottici, fermiamoci e pensiamo un attimo prima di lasciarci prendere dall’emozione del patriottismo, non è di cuore, ma di pancia, una pancia senza cuore e gli italiani troppo facilmente sono attratti dall’„uomo forte”.

Quando la pancia si separa, per effetto della legge della separazione, si forma il binomio “Yin contrapposto allo Yang”. La pancia ha un bisogno magnetico di un “capo”, una testa forte, un duce che comandi il popolo plaudente. Meccanismo duale che taglia fuori il cuore.

Per guarire, per vivere in armonia, apriamo il cuore.

Categorie
Natura Tao

Nei Jing Tu

Il significato di questo periodo è: fermi.

La meditazione è stare fermi, ma la meditazione è anche vita e invero il continuo movimento della nostra sempre frenetica società in fondo è una vita finta. L’ultimo decreto pone la Lombardia in una zona rossa, non possiamo uscirne, ma un codicillo dice che possiamo fare Tai Chi all’aperto: vita.

Questo disegno taoista è la Valle del Tao, raffigura una persona in meditazione, e tutto il suo essere cosparso di natura e vita, come lo sono i centri energetici di cui siamo composti che in meditazione tornano a vivere. Ma è anche un feto e la meditazione è ritornare in quello stato interiore paradisiaco.

Tutto è sempre Yin e Yang

Categorie
Tao

Il Cavallo di Troia

Il Legno è, del ciclo della vita, l’elemento che rappresenta la crescita, il progresso, la rigenerazione ciclica. In natura il legno è la primavera, il movimento di “nuovo sviluppo” della produttività dell’anno che, durante l’inverno, Acqua, riposava al termine della produzione precedente. Quella produzione che dà nutrimento a tutte le specie viventi, da miliardi di anni.

L’essere umano è “Legno” durante la fase di sviluppo al cui termine inizia il Fuoco, l’estate del ciclo della vita. Una Quercia d’estate si apre ed ospita più di 650 specie viventi. Quindi il legno, la primavera è necessaria al Fuoco, all’estate.

Il Cavallo di Troia era di legno e simboleggiava l’eccessiva fase di sviluppo della società troiana. Un monito lasciato lì: attenti, non state producendo fuoco, non state sfruttando a vantaggio di tutti lo sviluppo. Uno sviluppo fine a se stesso crea una società dove pochi beneficiano e diventano ricchi. Lo sviluppo continuo non fa bene alla collettività.

Al legno deve succedere il Fuoco e poi l’autunno, Metallo ed infine l’inverno, il riposo rappresentato dall’Acqua. Il ciclo ha sempre quattro tempi e il motore a scoppio ne è un esempio: aspirazione, compressione, scoppio, scarico.

Cavallo di Troia – Comacchio 2019

I troiani non ascoltarono le predizioni di Cassandra e il fuoco negato si ritorce su di loro e gli Achei mettono a ferro (metallo) e fuoco la città. Il Fuoco del ciclo negato o ciclo infausto.

Adesso accade anche a noi, novelli Troiani: ecco che il fuoco dei virus, fuoco negato, si propaga a livello mondiale in una società impegnata nel solo sviluppo, Legno, del PIL, senza comprendere che la Vita è un ciclo e questo ciclo deve abbracciare il benessere di tutte le specie viventi e non di pochi esseri umani.

Achille muore perché non si sa fermare, tutto Yang senza Yin, legno bruciato dal fuoco che non conosce il riposo dell’acqua. Achille è il modello di questa umanità, ma è Ulisse che sopravvive perché impara l’intero ciclo vitale della natura.